leonardo.it

Seduto sulla strada

 
Camillo Miller
27 aprile 2009
18 commenti

hairless-man
Date uno sguardo a questa foto e tirate le vostre conclusioni. Immaginatevi cosa ci possa essere dietro la parte offuscata, ipotizzate a cosa sta pensando il personaggio di questa foto e cosa sta facendo. Ci siamo? Vi siete fatti una vostra idea? Ecco ora continuate a leggere il post per vedere la foto originale.

Esatto, è uno shimpanzè glabro. Adesso vorrei che i creazionisti guardassero questa foto e mi provassero a dire ancora una volta che l’uomo non discende dalla scimmia.
hairlessmkb0416jpg

Categorie: Immagini Shock
Tags: ,
Articoli Correlati
Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1cacchione

    fortuna che è evoluto anche il pene

    27 apr 2009, 13:11 Rispondi|Quota
  • #2kikachan

    cacchione dice:

    fortuna che è evoluto anche il pene

    Non sempre! ¬∨¬”

    27 apr 2009, 14:35 Rispondi|Quota
  • #3Rossy

    ma perchè esistono ancora i creazionisti? o_O

    27 apr 2009, 15:24 Rispondi|Quota
  • #4Docco

    Non ho capito: dalla foto di quest’uomo si dovrebbe vedere qualche somiglianza con una scimmia?

    °__O

    27 apr 2009, 16:11 Rispondi|Quota
  • #5Anitra WC

    quando si vuole negare l’evidenza, diventiamo ancora più ridicoli della teoria che vuole essere “imposta”….
    ah.. caro il mio Vaticano.. quand’è che la finirai di farneticare…

    27 apr 2009, 17:01 Rispondi|Quota
  • #6Rossy

    @ Docco:
    veramente questa foto rappresenta una scimmia senza peli, che come si può ben vedere il fatto che non abbia il pelo accentua ancora di più la somiglianza con l’uomo

    27 apr 2009, 18:21 Rispondi|Quota
  • #7marko

    si la somiglianza….
    Lo shimpanzè non potrebbe essere solo una specie simile all’uomo?

    27 apr 2009, 20:07 Rispondi|Quota
  • #8zxc

    in realtà, noi effettivamente NON discendiamo dalle scimmie. Semplicemente abbiamo un antenato comune (il famoso anello mancante) da cui sono discesi gli uomini e le scimmie, in 2 razze distinte. Quindi possiamo dire che siamo al massimo “cugini”, non discendenti.

    27 apr 2009, 22:02 Rispondi|Quota
  • #9Rossy

    @ marko:
    solo una specie simile? così per casualità? non credo, non so se li hai mai visti gli atteggiamenti delle scimmie e non parlo solo dello scimpanzè. Direi che c’è molto ma molto di più di una semplice somiglianza ma anche a livello comportamentale

    27 apr 2009, 23:51 Rispondi|Quota
  • #10Jakie Scugnizzo

    @ Rossy:
    altrochè se esistono, pure un paio di professori di Ca’ Foscari che ho avuto lo sono
    @ Rossy:
    credo che Docco fosse un attimino sarcastico, sai?

    28 apr 2009, 09:31 Rispondi|Quota
  • #11Cesare

    1. La teoria d Darwin è infondata, nemmeno lui ci credeva…
    2. Effettivamente ha più senso la scimmia discende dall’uomo…
    3. la scimmia ha il 99% del DNA…
    4. @ zxc:infatti, l’anello mancante l’uomo:

    ci sono reperti che risalgono a prima delle scimmie; datati in modo sbagliato per nn far crollare la teoria… (Lucy era una scimmia) (l’homo erectus, l’homo neandertal, l’homo cro magnon, era sempre uomini con le stessi doti, vissuti in posti diversi…) la grandezza del cervello nn conta: ad esempio prendete uomini anche moderni. le capacità derivano dai collegamenti nel cervello…

    28 apr 2009, 10:41 Rispondi|Quota
  • #12Cesare

    Secondo l’evoluzionismo l’uomo discende dalla scimmia, ma i ritrovamenti fossili stanno spostando sempre più indietro di milioni di anni la comparsa dell’uomo, rendendo incompatibile l’ipotesi che l’uomo discenda dalla scimmia, ma invece la scimmia appare come un distinto ramo “dell’evoluzione” della specie che discende dalla stessa fonte dell’uomo. Infatti, grazie alle moderne tecnologie è stato scientificamente provato da importanti istituti di ricerca scientifici che le scimmie e gli uomini si sono “evoluti” verso un destino simile a partire da un antenato comune.

    In dettaglio, gli scimpanzé e l’uomo occupano due rami fratelli ma distinti nell’albero evolutivo, con una similarità genetica pari al 99%, e dopo gli scimpanzé, i parenti più prossimi dell’uomo risultano essere i gorilla, quindi gli oranghi e in ultimo i cercopitechi, fermo restando che l’uomo non può discendere da questi animali ma discende dalla stessa fonte da cui si è diramato il ramo delle scimmie, e fermo restando che gli studi dimostrano come molti ominidi preistorici sono erroneamente attribuiti come discendenti dell’uomo. Anzi, lo studio delle mutazioni del DNA tra uomo e scimmia esclude al 100% che l’uomo possa discendere dalla scimmia, ma dimostra come l’ascendente comune a uomo, scimmie e di diversi ominidi sia umano.

    Metodi scientifici hanno dimostrato come le scimmie derivino dall’uomo e non viceversa, ecco perché hanno il 99% del nostro patrimonio genetico, e per l’esattezza l’uomo e la scimmia discendono da un essere umano che presenta un DNA che somiglia a quello dell’uomo moderno, e lo stesso discorso vale per gli altri rami evolutivi a cui appartengono molti di quegli ominidi preistorici che vengono spacciati per gli anelli della catena evolutiva umana. E ancora: l’analisi del DNA mostra come l’uomo si sia molto meno evoluto rispetto alla scimmia, la quale invece ha evoluto il suo DNA partendo da uno umano o comune a quello umano, sviluppando 48 cromosomi rispetto ai 46 dell’uomo.

    Anche l’analisi della forma infantile delle scimmie mostra non solo che l’antenato delle scimmie è lo stesso dell’uomo, ma anche che l’uomo e le scimmie discendono da un antenato comune che ha le fattezze simili a quelle dell’uomo moderno. In breve, tutte le scimmie nello stato embrionale e da giovani sono molto simili agli esseri umani, ma crescendo diventano sempre più differenti fino a come le conosciamo, cioè da piccole mostrano la somiglianza con il progenitore umano da cui derivano, e poi mutano crescendo, mostrando nella forma adulta le caratteristiche della loro evoluzione dal progenitore umano. L’uomo invece non cambia le caratteristiche che ha da giovane quando cresce, si limita solo a diventare più grande.

    Quindi i dati scientifici paradossalmente mostrano che l’uomo non discende dalle scimmie ma le scimmie discendono dall’uomo, anzi è lecito teorizzare che le scimmie siano una regressione evolutiva dell’uomo, che si è adattata a vivere sulle piante. Ciò ovviamente se proprio di una qualche forma di evoluzione si vuole parlare, fermo restando che non esiste alcun prova che essa sia sia esistita.

    28 apr 2009, 10:46 Rispondi|Quota
  • #14Cesare

    per completare che la teoria dell’evoluzione di darwin errata:

    http://alieniemisteri.altervista.org/Darwin.htm

    http://alieniemisteri.altervista.org/darwin3.htm

    28 apr 2009, 10:53 Rispondi|Quota
  • #15Rossy

    @ Jakie Scugnizzo:
    meglio così :)

    28 apr 2009, 12:57 Rispondi|Quota
  • #16Cyborg1977

    vedo che qui qualcuno ci va pesante con la sambuca nel caffè…vero cesare!?!

    28 apr 2009, 15:12 Rispondi|Quota
  • #17coffutti

    my god XD

    La scienza ha una spiegazione per tutto (Y)

    asd

    28 apr 2009, 15:50 Rispondi|Quota
  • #18Cesare

    @ Cyborg1977:
    ma sei stupido o cosa??
    nn sai leggere?

    28 apr 2009, 17:16 Rispondi|Quota